Vuoi mangiare? Raccontami una storia!

Nella bella cornice del circolo arci di Milano “la Scighera, situata nel quartiere Bovisa, Fake Press e Art is Opensource hanno presentato il 24 gennaio 2010 una particolare versione di Squatting Supermerkets, tutta performativa: un banchetto interattivo in realtà aumentata.

Gli ospiti della Scighera, confrontati all’occhio oracolare di iSee, a sua volta logo di Squatting Supermarkets, si sono trovati davanti a una coppia inusuale camerieri vestiti con camice e tuta bianca, mascherina e in vista, ritagliati su gomma nera, i loghi di Fake Press. L’accesso alle succulente portate disposte in file simmetriche, sbarrato: “Raccontaci una storia”, rispondevano implecabili i due camerieri.

Unico indizio, due monitor scrutatori (il logo-occhio-oracolo), due webcam montate sopra e una ciotola trasparente contenete Fiducial Markers ritagliati su cartoncino bianco. Ogni pietanza è associata ad una storia. Ogni Fiducial Markers è associato a un video, dando accesso al cibo: ponendo il proprio Fiducial Marker davanti alla webcam, grazie al software di riconoscimento delle immagini, un piccolo video compare sul monitor del pc.

Come si accede al banchetto? Semplice, raccontando la storia appena ascoltata dall’oracolo alla coppia dei camerieri, che vi offre una porzione della pietanza associata a quel video.

Una volta compreso il meccanismo, il pubblico leggermente disorientato, ha iniziato a consultare l’occhio utilizzando i Fiducial Markers, cerpendo immagini e racconti per ottenere la propia cena. Il numero delle porzioni, in un eccesso di maniacalità, corrispondeva al numero di Fiducial Markers contenuti: così, per ottenere un pasto completo, ogni partecipante doveva raccontare tutte le storie correlate alle pietanze.

Un piatto pieno di storie. dunque, per riflettere sul cibo che ingeriamo ogni giorno nel nostro corpo, “digerendo” senza pensarci tutti i complessi meccanisni che nascondono.

Intanto, in loop su un grande schermo, il video appositamente realizzato da Art is Open Source per la performence, indica la strada.

I camerieri, la cui bocca è occlusa dalla mascherina, impersonano fisicamente FakePress come infrastruttura abilitane e le sue modalità di pubblicazione: multi-autore, emergenti, relazionali.

Approfondimenti

Squatting Supermarkets cortocircuit” di Salvatore Iaconesi

E ancora magnaven e semper beveven Barbera: SQUATTING SUPERMARKETS” di La Scighera

Backstage” photoreportage del backstage su Flickr, praparando la performance

Site reference

www.lascighera.org


Backstage: loghi di FakePress ritagliati su gomma nera
Backstage: loghi di FakePress ritagliati su gomma nera
Backstage: la mascherina - particolare
Backstage: la mascherina - particolare
Fiducial Markers: foglio
Fiducial Markers: foglio