Il Perché di un Concerto

L’adozione del regolamento Agcom è stata preceduta da una vigilia carica come non mai di tensione, cui la rete ha dato voce amplificandola, in un fiume di commenti, cinguettii, grida di allarme, iniziative. Più megafono che piattaforma di discussione, se vogliamo essere obiettivi.

Corrado Calabrò, presidente di Agcom, Audizione al Senato del 21/07/2011

Nonostante le dichiarazioni di Calabrò, dalla pubblicazione delle linee guida del regolamento Agcom nel dicembre 2010 ad oggi, il dibattito di cui Internet ha saputo essere motore sulla questione censura e diritto d’autore ha raggiunto una profondità e una trasversalità che hanno pochi precedenti, a partire dall’iniziativa sitononraggiungibile.it (di Adiconsum, Agorà Digitale, Altronconsumo, Assoprovider e Studio Legale Sarzana) fino all’evento “La Notte della Rete” che è possibile rivedere all’indirizzo www.agoradigitale.org/lanottedellarete

“La Rete, una Sinfonia” è un’iniziativa dell’Associazione radicale Agorà Digitale in collaborazione con molte delle associazioni che si sono mobilitate in questi mesi tra cui  Altroconsumo, Avaaz e Fakepress e Studio Legale Sarzana che nasce per dimostrare ancora una volta il lato creativo, costruttivo e rivolto al dibattito che Internet è in grado di produrre. Utilizzando tanto le forme più tradizionali quanto in quelle più innovative di comunicazione.

“La Rete, una Sinfonia” non è quindi un libro, o un sito web, ma un’opera in due movimenti.

Movimento 1: I nostri “cinguettii” per la libertà della Rete Internet

Mentre il Presidente Calabrò ironizza sui cinguettii della Rete, nello schema di regolamento approvato da Agcom, si lasciano, incredibile, 50 caratteri, meno di un SMS o di un tweet per difendere il proprio diritto a condividere contenuti, come messo in evidenza dall’avvocato Guido Scorza.

Per questo abbiamo voluto reagire a questo scempio dei diritti fondamentali. Abbiamo voluto far vedere com’e’ possibile usare creativamente i loro 50 caratteri aggiungendo i migliaia di “cinguettii” che utenti della rete hanno indirizzato all’Autorità (innanzitutto tramite il loro canale twitter @AGCOMunica) a partire dalle giornate del 27 e del 28 luglio 2011.

 

Movimento 2: Concerto per domande e risposte

Non solo cinguettii. Sono decine le domande a Corrado Calabrò e agli altri soggetti coinvolti in questo tentativo di chiudere la Rete a cui non è mai stata data risposta. Come decine sono state le risposte alle domande pur retoriche poste dalla SIAE a cui la Rete ha dato una pluralità di risposte, tutte ignorate. Il secondo movimento della sinfonia è un concerto per domande e risposte che vuole raccogliere tutti questi contributi in un’unica opera che sia in grado di rappresentare la complessità del dibattito di questi mesi che non ha quasi nemmeno toccato carta stampata e televisione. Una sinfonia che possa essere consegnata ai soggetti che sisematicamente si sottraggono alla discussione salvo poi parlare di “cinguettii, grida di allarme e megafoni”

Si tratta di un cantiere aperto quindi puoi scrivere anche tu le tue domande e risposte (sul tuo blog, sul tuo sito web, sul tua pagina web) e inviaci il link all’indirizzo nocensura@agoradigitale.org. Saranno aggiunte alla pubblicazione che cercheremo di far avere a tutti i soggetti interessati, a partire da quella che verrà consegnata a Corrado Calabrò durante l’audizione del 28 luglio.

La Rete, una Sinfonia. Non dobbiamo permettere che Agcom fermi la musica.

Luca Nicotra

Segretario dell’Associazione radicale Agorà Digitale

www.agoradigitale.org

One thought on “Il Perché di un Concerto

Leave a Reply